Nine West Mendoza, Scarpe col tacco donna Gold Multi/Gold

B008K5XXJW

Nine West Mendoza, Scarpe col tacco donna Gold Multi/Gold

Nine West Mendoza, Scarpe col tacco donna Gold Multi/Gold
  • Materiale esterno: Pelle
  • Materiale suola: Tessuto sintetico
  • Chiusura: Da infilare
  • Altezza tacco: 10 pollici
  • Tipo di tacco: Zeppa
  • Larghezza scarpa: Normale
Nine West Mendoza, Scarpe col tacco donna Gold Multi/Gold Nine West Mendoza, Scarpe col tacco donna Gold Multi/Gold Nine West Mendoza, Scarpe col tacco donna Gold Multi/Gold Nine West Mendoza, Scarpe col tacco donna Gold Multi/Gold Nine West Mendoza, Scarpe col tacco donna Gold Multi/Gold

L’ ZQ hug Scarpe DonnaSneakers alla modaTempo libero / Ufficio e lavoro / CasualZeppe / Punta arrotondata / ComodaZeppaFinta pelleNero / Rosa , pinkus8 / eu39 / uk6 / cn39 , pinkus8 / eu39 / uk6 whiteus8 / eu39 / uk6 / cn39
 sui ricavi delle mafie in Italia risale al 2013 e porta la firma del centro interuniversitario Transcrime e dell’università Cattolica di Milano. Secondo i calcoli dei ricercatori, nel 2007 cosa nostra aveva guadagnato con i suoi affari illeciti in tutta Italia circa 1,87 miliardi di euro. Non sono spiccioli, eppure sembrano briciole se paragonati ai ricavi degli anni novanta, quando solo a Palermo il business della mafia superava i due miliardi. Il paragone con il business delle altre associazioni criminali è impietoso: la ’ndrangheta calabrese ogni anno porta a casa 3,49 miliardi di euro, i camorristi napoletani 3,75. Praticamente il doppio dei guadagni dei criminali siciliani.

Colpa della crisi, dicono a Palermo. Negli anni d’oro della mafia, il sindaco Vito Ciancimino rilasciò nel capoluogo siciliano 4.500 concessioni edilizie (2.500 delle quali a tre pensionati prestanome). Allora il giro d’affari dell’edilizia mafiosa faceva girare in città tremila miliardi di vecchie lire.

Non ricordatelo ai boss della famiglia di Villagrazia: i loro incontri al vertice, intercettati dalle miscrospie dei carabinieri, somigliano più a delle terapie di gruppo che a riunioni criminali per pianificare affari illeciti. “Ma che minchia di mafia siamo?”, si lamentava nel marzo del 2016  l’allora direttore di sala del teatro Massimo, Alfredo Giordano , per non essere riuscito nemmeno a ritrovare delle cose che avevano rubato alla figlia. “La mafia di… di… di… delle cause perse”, diceva.

La questione è ben nota agli esperti e la  Electronic Frontier Foundation  mantiene sul proprio sito  un elenco delle stampanti laser che utilizzano questo sistema di sicurezza.

Il sito della EFF spiega anche come  decodificare il codice : basta inquadrarli nell’apposita griglia per scoprire che il documento che incastra la Winner è stato stampato alle 06:20 del mattino dello scorso 9 maggio.